Zuppa Pavese per quanto semplice tanto è famosa

 


 

 

Zuppa Pavese

nata da umili mani e servita ad un Re

per quanto semplice tanto è famosa

 

La Zuppa Pavese con ingredienti semplici ma degna di un Re

La Zuppa Pavese con ingredienti semplici ma degna di un Re

 

 

A Pavia tra il Castello Visconteo e la Certosa di Pavia, si trova il Parco Visconteo e in quello che allora era una tenuta di caccia, mentre oggi è parte integrante dell’urbanizzazione pavese, si trova, in Strada Cantone al numero 577, Cascina Repentita.

Questa è divenuta famosa e a ricordarlo è una targa, posta sul muro della stessa, perché qui fu ideata la Zuppa Pavese e servita ad un illustre prigioniero, il Re Francesco I di Francia.

 

 

Come nacque la Zuppa Pavese

 

 

Il 24 Febbraio del 1525 si svolse nell’area viscontea del Parco Visconteo, la Battaglia di Pavia, tra l’esercito francese, guidato da re Francesco I e l’armata imperiale, costituita da fanteria spagnola e lanzichenecchi tedeschi, di Carlo V guidati da Fernando Francesco d’Avalos e Carlo di Borbone.

Al termine della battaglia, c’è chi dice fosse fatto prigioniero e condotto a rifocillarsi presso la cascina, chi invece afferma che si fosse rifugiato in cerca di ristoro nella cascina, fatto sta che Re Francesco I di Francia, arrivo alla Cascina Repentita e una contadina al suo interno si fece in quattro per dargli qualche agio adatto al suo rango.

La poveretta, presa alla sprovvista, gli preparò qualcosa di caldo che potesse dargli un po’ di energia e sollievo, il tutto con quelle poche cose che teneva nella dispensa della cascina.

Messo insieme quello che trovò, pane casereccio, brodo di gallina, uova e formaggio grattugiato, ideò la Zuppa Pavese, semplice ma degna di un Re.

Francesco I tornato in seguito in Francia, era ancora talmente pieno del sapore di questa zuppa, che la introdusse a corte ed ebbe un tale successo, da divenire ben presto un celebre piatto destinato a fama secolare.

Nel maggio 2015 la Zuppa Pavese, entra ufficialmente nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali di Regione Lombardia.
 


 

La ricetta e la preparazione della Zuppa Pavese

 

 

Questo piatto è di una semplicità estrema ma l’attenzione ai pochi ingredienti per una migliore riuscita, nel gusto, deve essere massima, scegliendo possibilmente il meglio.

Prodotti biologici e uova freschissime sono la base per un buon piatto

 

 

Ingredienti per 2 persone

 

4 uova

40 grammi di burro

4 fette di pane casereccio

50 grammi di Grana Padano

mezzo litro di brodo di gallina
 


 

Preparazione

 

 

Dopo aver preparato un brodo di gallina, almeno un litro, utilizzando possibilmente una gallina ruspante, sciogliere il burro in una padella e far dorare da entrambi i lati le fette di pane.

Porre le fette di pane in due tegamini di coccio, uno a testa e di coccio per poi poterli mettere in forno e servire a tavola, rompere su ogni fetta un uovo cercando di non farlo rompere.

Cospargere il tutto con il Grana Padano, il Grana perché originario della zona ma va bene anche il Parmigiano Reggiano, versare un mestolo di brodo caldo, quanto basta per non coprire completamente le fette di pane.

Mettete in forno preriscaldato a 150 gradi per 5 minuti. Servite ancora calda.

Quando vi siederete a tavola davanti alla Zuppa Pavese, vi renderete conto di quello che il Re di Francia potè provare sentendo il profumo genuino e il gusto, dei mangiari semplici ma caratteristici della nostra bellissima Italia.

Buon Appetito!!!

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Benvenuti in Preziosità Italiane commentate a piacere