Torta Rustica Reggiana Erbazzone



 

 

Torta Rustica l’Erbazzone

un piatto della tradizione Reggiana

che gustano a tutte le ore

 

 

Torta Rustica Erbazzone reggiano

Torta Rustica Erbazzone reggiano

 

 

Esistono delle tradizioni culinarie, talmente radicate nella cultura di alcune città italiane, che le ritroviamo nei momenti meno pensati.

Ad esempio a Modena è un piatto, un prodotto tipico del territorio lo “Gnocco fritto”, esistono moltissimi ristoranti, trattorie, che preparano quasi esclusivamente questo piatto, da proporre ai propri clienti.

Lo ritroviamo anche in molti bar e c’è l’abitudine, più che l’usanza, di fare colazione con il cappuccino e un pezzo di Gnocco fritto al posto del classico Cornetto.

Esiste un bar, lo storico “Bar del Collegio”, di fronte all’ingresso del Collegio San Carlo a lato dei Portici del Collegio, che alla mattina, al momento della colazione, ne prepara molti chili di impasto e fa fatica a reggere la continua richiesta degli avventori, che lo consumano con il caffè o con il cappuccino.

A Reggio Emilia, l’abitudine, invece è quella di mangiare una Torta Rustica chiamato “Erbazzone o “Scarpazzone”, lo si trova nei bar del centro ma anche in periferia e lo si mangia in un qualsiasi momento, dalla colazione alla merenda.
 



 

La storia

 

 

La Torta Rustica Erbazzone ha origine antichissime, già all’epoca romana i soldati mangiavano il “Moretum”, un impasto di erbe commestibili, formaggio, aglio, olio d’oliva e sale, che spalmavano sul pane, la Torta Rustica Erbazzone, ha più o meno gli stessi ingredienti ma anziché l’uso del pane, gli ingredienti vengono inseriti tre due dischi di pasta sfoglia e la sua preparazione è un pochino più complicata.

E’ una tipica specialità reggiana, se viene chiamato anche scarpazzone, dal reggiano “scarpasòun”, è perché, le famiglie contadine usavano, nella preparazione, anche il fusto bianco, cioè la scarpa, della bietola.

Nelle montagne reggiane, invece la Torta Rustica Erbazzone, veniva e viene tutt’ora preparato, aggiungendo alle erbe del riso, questo perché anticamente le Mondine, si spostavano nella “bassa“, da marzo ad ottobre, a liberare le risaie dalle erbacce e ricevevano per ogni giorno di lavoro, un kg di riso.

Inoltre la preparazione è differente, non viene messo tra due dischi di pasta sfoglia ma su uno e lo spessore della Torta Rustica, è maggiore.
 


 

La ricetta della Torta Rustica Erbazzone

 

 

ingredienti per il ripieno della torta rustica

 

1,5 Kg. di spinaci o bietole oppure anche miste come vi fa piacere, io aggiungo anche un po’ di cicoria

3-4 cipollotti con gambo fresco e verde

60 g. di pancetta

4 cucchiai di olio

50 g. di burro

3 spicchi di aglio

4 o 5 manciate di Parmigiano Reggiano

sale e pepe q. b.
 



 

Ingredienti per la pasta sfoglia, potete usare anche quella già pronta

 

200 g. di farina

1 noce di strutto

2 cucchiai di olio

sala e pepe q. b.

acqua tiepida q. b.

 

Erbazzone reggiano montanaro

 

Preparazione della Torta Rustica Erbazzone

 

 

Stufare sul fuoco la pancetta, aggiungendo l’aglio schiacciato e i cipollotti tritati insieme ai gambi.

Aggiungere olio e burro, dopo che i cipollotti si saranno appassiti, unire gli spinaci o le bietole, che avrete  lessato in abbondante acqua salata, eliminare l’acqua strizzandoli.

Fare insaporire tutti gli ingredienti, lasciandoli cuocere a fuoco basso per 10 minuti circa, aggiustare con il sale e il pepe.

Passato il tempo, lasciare raffreddare e aggiungere il Parmigiano Reggiano.

Nel frattempo che l’interno si raffredda, preparare la pasta sfoglia e lasciarla riposare per mezz’ora.

Stendere, una parte dalla pasta sfoglia a ricoprire il fondo di uno stampo, deve sbordare un po’, perchè deve fungere da bordo per la Torta Rustica.

Lo stampo va unto, quindi versare il ripieno, lo spessore non deve superare i 2 centimetri.

Ricoprire il composto con l’altra parte della sfoglia, che avrete steso e chiudere i bordi.

Spennellare il coperchio ottenuto, con un rosso d’uovo e dopo averla accuratamente bucherellata, mettete il tutto nel forno a 200°, per circa mezz’ora, la Torta Rustica Erbazzone è pronta, gustatela tiepida o anche fredda, accompagnata da un bicchiere di vino bianco secco.

Buon Appetito!!!

 


 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Benvenuti in Preziosità Italiane commentate a piacere