Todi città medievale



 

 

Todi

la nobile città medievale

dell’Umbria

 

 

Todi

Vista panoramica di Todi

 

Ieri, una bella gita a Todi, una città medievale pressoché identica a quella del 1600, la città vecchia, quella storica è custodita da mura di cinzione.

Questa è la parte più bella da visitare, i suoi tre borghi medioevali di Ulpiano, Nuovo e Porta Fratta, con i vicoli stretti dove si aprono le porte ad arco delle antiche botteghe artigiane, che facevano parte, in epoca medioevale, delle ventitré corporazioni di arti e mestieri.

 

 

La visita a Todi

 

 

Volendo visitare Todi, un mio consiglio, anche per godersi al meglio questa visita, è parcheggiare l’auto al Tempio di Santa Maria della Consolazione e come primo punto, visitare questa bellissima e caratteristica, possiamo chiamarla “cattedrale”, per la sua imponenza e maestosità.

 

Tempio Santa Maria della Consolazione a Todi

 

Santa Maria della Consolazione

 

 

La sua progettazione e costruzione, parrebbe attribuita e qui ci vuole il condizionale, dato che non esistono riscontri certi della paternità dell’opera, al Bramante e ci vollero più di cento anni per vederne terminata la costruzione, partita intorno al cinquecento.

Una leggenda racconta che a Todi, intorno a quella data, fosse avvenuto un miracolo, un addetto alla pulizia di un affresco della Madonna, affetto da una grave malattia ad un occhio, durante il lavoro di pulizia, sarebbe stato miracolosamente guarito. Per rendere noto il miracolo, anche in regioni lontane, si pensò di costruire un tempio mariano e doveva ospitare l’immagine della Madonna diventando così un punto di pellegrinaggio per malati di ogni tipo.

 

 

La sua struttura è a croce con i lati di uguale dimensione, al suo centro sopra una grande terrazza quadrata sorge la cupola, mentre i bracci della croce sono a semicupola

 

 

L’interno del Tempio di Santa Maria della Consolazione a Todi

 

 

Il suo interno ricorda molto la Basilica di San Pietro a Roma ma in formato ridotto, in uno dei bracci, quello sulla destra rispetto all’entrata, eretto a pianta semicircolare e ben distinguibile dall’esterno, perché rispetto agli altri bracci e tondeggiante, viene posto l’altare sul quale è esposta all’adorazione, l’immagine della Madonna con il Bambino, mentre nelle altre absidi sono raffigurate le statue degli apostoli.



 

L’Ascensore panoramico per il centro storico

 

 

A questo punto prendiamo, poco distante l’Ascensore panoramico per il centro storico, un metodo comodo, rapido e sicuramente molto suggestivo di raggiungere il centro storico di Todi.

Si può salire su questa cabina panoramica che, in pochi minuti, porta fino a Viale della Vittoria, la strada che introduce al centro storico.

Da qui percorrendo Viale Ciuffelli, incontriamo verso la fine una piazza sulla destra con una scalinata che conduce ad un’altra bellissima chiesa.

 

 

La Chiesa di San Fortunato

 

 

Costruita intorno al 1100 in stile paleocristiano e poi trasformata in gotica verso la fine del 1200 è dedicata a San Fortunato vescovo di Todi.

L’esterno presenta un bellissimo portale di marmo e al suo interno sono conservati i resti di Jacopone da Todi.

La chiesa è a tre navate, con al centro la statua del santo, mentre ai due lati si trovano 13 cappelle ornate di affreschi e statue.Scendendo nella cripta si trova la tomba di marmo di San Fortunato e la lapide di Jacopone.

Proseguendo in via Mazzini, si percorre una strada lastricata di lastroni di pietra scura e lucida, subito sulla destra notiamo la bellissima facciata del Teatro Comunale, con i quattro medaglioni raffiguranti, quelli che sono considerati i simboli delle creazioni di lavori teatrali, Metastasio, Alfieri, Rossini e Goldoni.


Piazza del Popolo a Todi

 

 

In fondo a via Mazzini si arriva a Piazza del Popolo, con i suoi capolavori architettonici, tra cui, il complesso del Palazzo Comunale, nato dall’unione del Palazzo del Popolo, dove si trovano, il Museo Lapidario, dove è conservata una raccolta di materiali lapidei di età romana, medievale e moderna, la Pinacoteca Civica e il Museo Etrusco Romano, il Palazzo del Capitano e il Palazzo dei Priori.

In un lato della Piazza sorge il Duomo, la Concattedrale della Santissima Annunziata, eretta sui resti di un tempio dedicato al dio Apollo, caratteristici sono la lunga scalinata d’accesso e la facciata romanica, dall’alto della gradinata, si possono scattare foto dell’intera Piazza.

 

Duomo della Santissima Annunziata

 

Prima di accedere alla piazza, sulla destra esiste una piccola piazza con in fondo, a dominare la media vallata del Tevere, la statua di Giuseppe Garibaldi e la balconata, che dà agli occhi, una splendida vista di questa vallata.

Sotto Piazza del Popolo esiste come a Fermo nelle Marche e a Narni, la città sotterranea costituita dalle Cisterne, dodici cisterne e pozzi costruiti, oltre ad approvvigionare acqua alla città, anche a smaltire le acque sotterranee ed evitare smottamenti e frane.

Ora, con la costruzione del moderno acquedotto, il complesso di Cisterne sono solo ad uso turistico.

In una sola giornata non è possibile vedere tutte le meraviglie di Todi, nel tornare alla macchina, da piazza Garibaldi, potete rifare la stessa strada, oppure fare un’altro itinerario all’interno delle stradine e vicoli di Todi, lasciandovi immergere nei profumi e alla vista dei negozi e palazzi caratteristici, passando sotto ai balconcini che collegano una parte all’altra le stradine, scoprite i portoni antichi e le piccole nicchie nei muri che nascondono le immagini antiche di una città medievale.

 


 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Benvenuti in Preziosità Italiane commentate a piacere