Mezzano di Primiero

 


 

 

Mezzano di Primiero

uno dei borghi montani

più bello d’Italia 

 

 

 

Mezzano di Primiero

Mezzano di Primiero con le sue caratteristiche abitazioni

 

 

Visitare Mezzano di Primiero a Trento, non è come per altri paesi, lo spirito e la curiosità, si incentrano su altri fattori, qui non si visitano chiese, nonostante la Chiesa di San Giorgio sia molto bella, o palazzi monumentali e storici, qui la visita è concentrata sugli stili di vita, passati e presenti, sulla comunità montana, sulle difficoltà di una vita in montagna, dove in inverno il freddo fa da padrone.

Come ci si è attrezzati, nei secoli, per le costruzioni delle case, per sfruttarne lo spazio il più possibile e mantenerle calde.

Come sono riusciti ad inserire nell’abitato, gli orti-giardino e qui ve ne sono tanti, uno ogni 5-6 abitanti.

Una risorsa importante, per gli abitanti di Mezzano di Primiero, che vedono in questo modo, sviluppare una loro produzione per il mantenimento della cucina tradizionale.

 


 

Gli orti di Mezzano di Primiero

 

 

Sono il cuore del verde rurale, è dedicato alla produzione di cibo per la famiglia, una estensione significativa dell’abitazione e testimonianza del modo di vita tradizionale ancora valido, il suo abitato è cresciuto secondo una regola imprescindibile, quella di preservare il più possibile il soleggiamento degli orti e questo è fattibile solamente costruendo gli edifici a monte degli orti.

In questo modo, oltre alla funzione di coltivazione del cibo, diventa anche verde pubblico, perché insieme agli ortaggi, vengono coltivate numerose specie e varietà di fiori.

La loro spiccante visibilità, non avendo strutture che li coprano dal sole, li rendono dei piccoli parchi e aiuole, luoghi che diventano un aggregante, di un complesso rapporto societario tra vicini e familiari, dato che ogni orto è un insieme di tanti, i cui confini sono segnati da recinzioni e cancelli.

In questi orti, viene coltivato di tutto, dagli ortaggi, odori, alberi da frutta e qualche vite, che formano il nucleo più consistente e solido di piante coltivate ma al loro fianco trova anche qualche specie un tempo coltivata nei campi, come mais, fagioli e patate.
 



 

Le Abitazioni di Mezzano di Primiero

 

 

Il centro storico è compatto, sembra quasi che le case vogliano scaldarsi le une con le altre stando vicine e strette tra loro. Le strade sono state costruite a misura dei mezzi agricoli, che vengono alloggiati nelle rimesse e nelle stalle, sotto ad ogni abitazione, si perché il detto casa e bottega qui sembra avere un significato maggiore rispetto ad ogni altro paese.

Le abitazioni sono costruite con murature in pietra locale a vista, qualcuna intonacata, con qualche  risalto di decorazione semplice, fregi d’angolo, finti bugnati.

Il legno in particolare caratterizza le strutture e le facciate esterne, i “tabià”, i tipici fienili della zona, costruiti con i tronchi dei grandi alberi, i grandi ballatoi esterni, le scale, anch’esse poste all’esterno per non “sprecare” il limitato spazio interno.

Luoghi della residenza “stabile” di montagna, composti da abitazione, stalla, fienile, depositi, riconoscibili per le dimensioni e gli elementi componenti dei prospetti esterni, fori, ballatoi, e quant’altro.

 

Le abitazioni di Mezzano di Primiero

 

Il “rustico” è la parte più grande della struttura, la stalla occupa il piano seminterrato ed è accessibile dalla strada, il fienile, con grandi ballatoi in legno ed ampie forature, è accessibile dall’esterno col pontile

pavimentato in terra battuta, la soffitta, per la conservazione delle derrate alimentari, riconoscibile per piccoli fori di illuminazione e ventilazione.

L’abitazione è un tutt’uno con il rustico, al piano terra, parzialmente interrata, troviamo la cantina con accesso diretto dall’esterno, al piano superiore l’abitazione raggiungibile dalla scala esterna, con pochi e piccoli locali, il bagno e la ritonda, lo spazio per la preparazione dei pasti.

 

 

Cataste&Canzèi

 

 

Un’altra cosa da vedere a Mezzano di Primiero, sono i “Canzei”, le copiose cataste di legna, che servono durante l’inverno come fonte di calore, ogni abitazione ha accatastato, all’esterno legna a sufficienza, per poter passare l’inverno senza dover temere il freddo.

Molte di queste cataste sono divenute vere e proprie opere d’arte, alcune anche di artisti venuti da lontano, da qui ne è nata la permanente “Cataste&Canzèi”, uno degli eventi di “Mezzano Romantica”.

Sono molte le installazioni artistiche disseminate lungo il centro storico di Mezzano di Primiero, comune entrato nel 2010 nell’esclusivo club de “I borghi più belli d’Italia”.

 

 


 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Benvenuti in Preziosità Italiane commentate a piacere