Ischia e il Coniglio all’Ischitana

 

 


 

 

Ischia

un’incredibile ricetta

che fa parte della tradizione che non è di pesce

 

 

Ischia e il Coniglio all'Ischitana

Ischia e il Coniglio all’Ischitana

 

 

Non sono un grande amante del Coniglio ma questo mi ha proprio incuriosito, perché se su un’isola, come quella di Ischia, che dovrebbe, essendo per l’appunto un isola, avere come piatti principali il pesce, invece ha come piatto forte il Coniglio all’Ischitana.

Prima di assaggiare questo piatto, ho voluto fare alcune ricerche sulle origini e del perché a Ischia, un piatto di carne, sia così tradizionale, da annoverarsi tra i piatti principali che danno lustro all’isola.

 

 

Ischia e i conigli

 

 

Ischia è una piccola Australia, da sempre “infestata” da conigli selvatici, quest’isola, contrariamente ad altre è più legata all’agricoltura che alla pesca.

Inoltre in quest’isola hanno una maniera particolare di allevare i conigli, ad Ischia, sono detti “da fossa” perché storicamente allevati in buche, dove sono liberi di scavare cunicoli e muoversi nella terra, questo conferisce alle carni maggior sapore e consistenza.

Il coniglio selvatico era, un tempo l’animale più diffuso in zona e le narrazioni sul suo allevamento, sulle razze, sulle ricette e sulle battute di caccia che lo vedevano protagonista, sono parte radicata della storia di Ischia.

Si narra che l’isola ne fosse infestata, quando i Siracusani arrivano sull’isola di Ischia, col progetto di dominare il Mediterraneo e così diventarono la materia prima, con la quale sfamare i nuovi coloni siciliani.

Questo tipo di piatto ha, come altri, anche la funzione di condimento per la pasta, il sugo, infatti, è l’ideale per condire la pasta, a Ischia la ricetta classica prevede i bucatini, che viene poi completata con prezzemolo e abbondante parmigiano grattugiato al momento.

Il coniglio è ancora oggi la specialità gastronomica locale e la domenica è sulle tavole di molte famiglie.

Il segreto di tanto successo, il cui profumo inconfondibile si diffonde nell’aria, è da ricercare in due attrezzi “indispensabili”, il tegame di terracotta “‘u tiano” e cucina a legna, cose che in qualche casa di campagna, ancora oggi, è possibile trovare.

 


 

La Ricetta del Coniglio all’ischitana

 

 

ingredienti

 

 

1 coniglio di pezzatura 1,2 chilogrammi

10 pomodorini o datterini

maggiorana fresca q.b.

timo q.b.

2 bicchieri di vino bianco

½  bicchiere abbondante di olio extravergine di oliva

sale q.b.

prezzemolo

2 peperoncini freschi

1 testa di aglio

piperna erba aromatica diffusa ad Ischia ma se non l’avete, cosa molto probabile si può fare anche senza

 


 

Preparazione

 

 

Tagliare a pezzi il coniglio, c’è chi mette anche la testa, dividendola a metà, io in questo caso passo, sciacquarlo con del vino bianco, asciugarlo poi, con un panno, porre le interiora in una marinata di acqua e limone per 2 ore, passato il tempo scolarle e passarle in abbondante prezzemolo.

Fare imbiondire la testa d’aglio incamiciata, con l’olio e il peperoncino, in un tegame, possibilmente di terracotta se lo avete,il risultato finale sarà leggermente diverso e aggiungete il coniglio pochi pezzi alla volta, comprese le interiora, ed eccetto il fegato, in modo da non far diminuire la temperatura dell’olio, finché non raggiunge un bel colore.

A questo punto togliere dal fuoco e versare abbondante olio nel tegame, un bicchiere di vino, mettete il sale e il pepe, peperoncino e se volete altro prezzemolo, basilico e soprattutto la piperna, i pomodorini tagliati a spicchi, il fegato, che si sarebbe indurito se aggiunto prima, fare sfumare e far cuocere a fuoco moderato.

Se nel tegame, il sugo si asciuga, prima della cottura completa, potete aggiungere del vino, o in alternativa del sugo di pomodoro o del brodo.

Una curiosità, pare che uno dei segreti di alcuni cuochi per questo piatto stia nel farlo “tirare” durante la cottura fin quasi a farlo “attaccare“, per poi allungare un po’ il fondo di cottura, qualche minuto prima di spegnere la fiamma, per dare corpo alla salsa.

Andrebbe servito con contorno di patate fritte.

Buon Appetito!!!

 


 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Benvenuti in Preziosità Italiane commentate a piacere