Frascarelli Marchigiani un piatto poverissimo



 

 

Frascarelli Marchigiani

simile alla polenta

 

Frascarelli marchigiani un piatto poverissimo

Frascarelli marchigiani un piatto poverissimo

 

Siamo ormai giunti in inverno e nelle serate fredde, con la pioggerellina e un po’ di quella nebbiolina, che ti entra nelle ossa, non c’è niente di meglio che sedersi intorno a un tavolo e, accompagnati da un buon vino rosso, mangiarsi un piatto di Frascarelli Marchigiani con il sugo di salsiccia.

Piattino leggero”, direte voi. Siii!! Ma ogni tanto, uno strappo alla regola si può ben fare, la nostra bella Italia è piena di ricette che, solo al pensiero ti fa venire l’acquolina in bocca, quindi perché non approfittarne quando è possibile?

I Frascarelli Marchigiani sono un piatto poverissimo e a parte il condimento, che io faccio con il sugo di salsiccia, quando si deve strafare è meglio farlo bene, si può anche preparare in maniera più soft, con un sugo semplice, ad esempio, il classico burro e pomodoro con qualche fogliolina di basilico, oppure di verdure saltate in padella o con pancetta soffritta, questa è un po’ meno light, però.

 

Da dove deriva il nome del piatto “Frascarelli”?

 

Chiamato anche , riso a polentao riso corco, in dialetto marchigiano significa, riso sdraiato, per i diversi modi di preparazione, uno “de li puritti”, dei poveretti, quelli “de riso corco“, ci va aggiunta qualche manciata di riso e quelli “de li signori“, con l’aggiunta di palline di pasta all’uovo.

I Frascarelli sono una polenta di farina bianca, dove veniva schizzata dell’acqua, in fase di preparazione, con delle frasche, rametti bagnati, da qui l’origine del nome “Frascarelli”.

Mentre nel “Riso Corco”, la base è il riso stracotto.

 

La ricetta dei Frascarelli Marchigiani

 

Di preparazione tanto semplice quanto povera e di una velocità quasi impressionante.

 

Ingredienti per 6 persone

 

650 grammi di farina bianca

1 cucchiaino di sale fino

Acqua quanto basta per formare i Frascarelli

 

La preparazione dei Frascarelli

La preparazione dei Frascarelli

 

Preparazione

 

Non ho dato volutamente la dose dell’acqua, per formare i Frascarelli, perché, sinceramente non la so, sono sempre andato a occhio e vedrete che anche voi, se volete provare a farli, ci riuscirete senza problemi.

Su un tagliere, spianatoia, mettete la farina mescolata con il cucchiaino di sale, aggiungete piano piano l’acqua formando dei grumi, non si deve impastare come se preparassimo la sfoglia ma lavorandola con i polpastrelli, deve diventare una sorta di stracciatella, per ridurli di dimensione, aiutatevi con la lama d’un coltello, tagliandoli sempre più fini.

Mettete a bollire 2,5 litri di acqua, salata, come se preparaste la cottura della pasta, quando bolle, aggiungete lentamente, mescolando i Frascarelli, come se preparaste la polenta.

Continuando a mescolare, fate cuocere per circa 30-40 minuti, una volta cotti e rappresi, versate su di un piatto da portata con sopra il condimento che avrete scelto e mangiateli belli caldi.


Il sugo di salsiccia per i Frascarelli

 

Ingredienti

 

½ cipolla tritata

2 salsicce senza budello e sbriciolate

un pezzo di prosciutto piccolo della parte del gambuzzo e tritato

1 bicchiere e ½ di salsa di pomodoro

Peperoncino se vi piace

sale q.b.

 

Preparazione

 

in una padella fate soffriggere in un po’ di olio, la cipolla, aggiungete la salsiccia e il prosciutto, fare rosolare 3-4 minuti e aggiungete la salsa, se vi fa piacere il peperoncino.

Salate ma, attenzione, assaggiate perché il prosciutto sala un po’ già di suo, coprite e fate sobbollire per una mezz’oretta.

Versate il sugo sui Frascarelli e sentirete, vi sembrerà di rinascere.

 

 

Ingredienti e preparazione dei Frascarelli “riso corco”

 

Se non volete sporcarvi le mani con la farina e impastare, mettete sul fuoco una pentola con 2,5-3 litri di acqua salata, quando raggiunge il bollore, versate per 4 persone un bicchiere e mezzo di riso bianco, tipo Roma, fate cuocere, una volta pronto ci si aggiunge, poco per volta un mestolo di farina più mezzo, se si è ritirata troppa acqua aggiungetene ancora un po’ e cuocete mescolando continuamente, finchè non diventi polentina.

Versate su di un piatto di portata condite con sugo a piacere, una bella sformaggiata di parmigiano, meglio sarebbe pecorino stagionato e….

Buon Appetito!!!

 



Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Benvenuti in Preziosità Italiane commentate a piacere