Celano le sue Gole in un itinerario escursionistico



Da Celano a Ovindoli

all’interno del Parco regionale naturale

 Sirente – Velino un’escursione senza pari

 

 

Le Gole di Celano viste dall'alto

Le Gole di Celano viste dall’alto

 

 

Celano cittadina abruzzese, con il suo maestoso Castello Piccolomini, ai piedi della Serra di Celano, nel parco regionale naturale del Silente-Velino.

Il suo territorio cela un raro esempio di Canyon Italiano, le Gole di Celano, un luogo intensamente suggestivo, dove ci si può addentrare a piedi tra due pareti rocciose, che nel punto più alto raggiungono 190 metri d’altezza e 3 metri di larghezza.



Le Gole di Celano

 

Il percorso delle Gole, sono un percorso escursionistico che dura 3-4 ore e sono meta desiderata dagli appassionati di trekking, sia per il paesaggio suggestivo, che per la possibilità di avvistare varie specie animali e vegetali.

L’itinerario parte da Celano per arrivare a Ovindoli, percorso di circa 8 chilometri e in salita media, una tappa obbligatoria è alla Fonte degli Innamorati, eventualmente, si può fare al contrario partendo da Ovindoli, con ovviamente il percorso in discesa ma si incontra prima, la Fonte degli Innamorati e poi volendo, si può tornare indietro, un ultimo percorso per chi fosse allenato e volesse quel qualcosa in più, può fare l’escursione Serra di Celano, Monte Tino, Gole di Celano, non è da tutti, bisogna essere preparati e attrezzati, per una durata escursionistica di circa 8 ore.

Torniamo al percorso della Gole, un po’ più adatto a tutti, muniti però di caschetto, scarpe da trekking e giacchino impermeabile del tipo K-Way, partiamo da Celano, un consiglio, se volete fare questo percorso, effettuatelo in periodo Giugno-Agosto, nel periodo di secca del torrente, per non incorrere in passaggi scivolosi e acque turbolente.

Le Gole sono senza dubbio il canyon più noto e frequentato dell’appennino centrale, incassate tra il versante est di Serra di Celano e quello occidentale del ripido Monte Etra, ad una quota di 950 metri circa.

Da Celano si scende per la statale verso Pescina, prima della località Cappuccini, si attraversa il fosso che scende dalle gole e qui un cartello, indica la strada sterrata che conduce allo sbocco del canyon, in località “le Foci“, si parcheggia e ci si inoltra a piedi nella gola.

la Fonte degli Innamorati alle Gole di Celano

Si entra da subito nella Gola con una salita abbastanza intensa e con tratti pianeggianti abbastanza lunghi, nel greto sassoso del torrente, l’impressione è quella di essere un Indiana Jones alla ricerca di chissà quale cosa e l’avventura, è quella di infilarsi all’interno di una montagna spaccata e alzando gli occhi, vedere queste pareti ripide, alte più di cento metri e distanti l’una dall’altra pochissimi metri, sentirsi piccoli piccoli.

Superata una prima strettoia, si continua tra fitta vegetazione fino a raggiungere la Fonte degli Innamorati, una spettacolare cascata che nasce da una grotta, qui ci si può fermare a riprendere fiato, per poi proseguire fino a Val d’Arano e Ovindoli, su sentieri brecciati in mezzo a versanti boscosi e ripide balze rocciose, a faggete, fontanili e splendide vedute sul monte Sirente, con la fortuna di poter vedere le aquile reali, che hanno nidificato nelle Gole, il gufo reale, il falco pellegrino e la rondine montana.

 

 

Potrebbe anche piacerti il Cammino dei Briganti

 

Potrebbe anche piacerti Escursione il Sentiero dei Muli Tagliacozzo

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Benvenuti in Preziosità Italiane commentate a piacere